Crioconservazione del tessuto ovarico umano

Che cosa è

La crioconservazione di tessuto ovarico è una tecnica innovativa che offre importanti prospettive per preservare la funzione ovarica di bambine e giovani donne sottoposte a trattamenti antiblastici, chirurgici demolitivi o affette da patologie che possono compromettere in modo grave il patrimonio follicolare. Il tessuto ovarico, prelevato per via laparoscopica, viene congelato e mantenuto in azoto liquido, senza limiti di tempo, fino al suo utilizzo. Alla guarigione della malattia il tessuto ovarico crioconservato può essere scongelato e reimpiantato nelle bambine, per permettere loro un normale accrescimento e sviluppo, o nelle giovani donne, per ripristinare la funzione ovarica e la fertilità ed invertire la condizione menopausale.

 

A chi è rivolta

Soggetti affette da:

  • Patologie maligne

–  patologie pelviche non ginecologiche;

–    patologie pelviche ginecologiche;

–    patologie extra-pelviche;

–    patologie sistemiche.

  • Patologie benigne

– patologie ematologiche o autoimmuni che richiedono trattamenti con farmaci gonadotossici ad alte dosi o per periodi prolungati;

  • Anamnesi familiare positiva per menopausa precoce.

 

Vantaggi

La crioconservazione di tessuto ovarico consente di:

–  preservare la funzione riproduttiva (gametogenica), permettendo una gravidanza futura nelle pazienti divenute sterili;

–    preservare la funzione endocrina (steroidogenica), permettendo:

1. nelle bambine prepuberi, il cui patrimonio follicolare è stato danneggiato dalle terapie, lo sviluppo dei caratteri sessuali secondari e la comparsa della prima mestruazione (menarca);

2. nelle giovani donne andate incontro a esaurimento ovarico precoce (POF) a causa delle terapie, la ripresa del ciclo mestruale, l’inversione della condizione menopausale e la scomparsa della fastidiosa sintomatologia legata alla menopausa (vampate di calore, osteoporosi, problemi cardio-vascolari, secchezza delle mucose, invecchiamento cutaneo);

–  recuperare un elevato numero di follicoli primordiali che sono poco suscettibili ai danni da congelamento, essendo di piccole dimensioni e metabolicamente quiescenti;

e

–  può essere effettuata in qualsiasi momento del ciclo mestruale, evitando ritardi nell’inizio delle terapie;

–   è l’unica opzione per preservare la funzione ovarica nelle pazienti prepuberi e nelle pazienti affette da tumori ormono-sensibili, che non possono sottoporsi a trattamenti alternativi.

 

Applicazioni del tessuto ovarico crioconservato (3)

Il tessuto ovarico crioconservato può essere reimpiantato mediante:

  • reimpianto ortotopico il tessuto ovarico viene posizionato sull’ovaio residuo permettendo il ripristino della funzione endocrina e riproduttiva della paziente.
  • reimpianto eterotopico il tessuto ovarico viene posizionato in una sede molto vascolarizzata (esempio il sottocute dell’addome) permettendo la ripresa della funzionalità endocrina.

 

Risultati

La percentuale di ripresa della funzionalità ovarica dopo reimpianto del tessuto ovarico crioconservato oscilla tra il 90 e il 100%, compatibilmente con l’età della paziente ed il numero di follicoli presenti al momento della crioconservazione.

I successi ottenuti in seguito a reimpianto di tessuto ovarico crioconservato offrono rassicuranti evidenze sull’efficacia della procedura anche quando viene effettuata prima del menarca.

Il reimpianto ortotopico/eterotopico di tessuto ovarico ha consentito l’induzione della pubertà in due giovani pazienti di 13 anni che avevano crioconservato il loro tessuto ovarico quando avevano rispettivamente 9 e 10 anni ed erano andate incontro a distruzione del patrimonio follicolare ovarico in seguito ai trattamenti chemio/radioterapici (4-5). Il reimpianto di tessuto ovarico crioconservato prima del menarca ha inoltre consentito il ripristino della fertilità e la nascita di un bambino sano in una paziente che aveva crioconservato il tessuto ovarico all’età di 13 anni (6).

Questi risultati dimostrano che i follicoli primordiali presenti nel tessuto ovarico prepubere crioconservato sono in grado, dopo reimpianto, di svilupparsi e raggiungere gli stadi maturativi più avanzati. La crescita follicolare determina la ripresa della funzione endocrina e riproduttiva dell’ovaio.

Per quanto riguarda le giovani donne, dati aggiornati ad ottobre 2017 (7) riportano la nascita di 130 bambini sani dopo il reimpianto di tessuto ovarico crioconservato.

Di grande importanza è il recupero della funzione endocrina e la nascita di un bambino sano dopo reimpianto di tessuto ovarico crioconservato in una donna trattata con radioterapia pelvica sterilizzante associata a chemioterapia (8). Tale caso dimostra che l’ovaio e l’utero, trattati con radioterapia ad alte dosi, sono in grado rispettivamente di sostenere la crescita follicolare e di portare a termine una gravidanza. Prima di questo risultato l’irradiazione dell’ovaio e dell’utero erano considerate causa di sterilità irreversibile.

 

Bibliografia

  1. Fabbri R, Venturoli S, D’Errico A, Iannascoli C, Gabusi E, Valeri B, Seracchioli R, Grigioni WF. Ovarian tissue banking and fertility preservation in cancer patients: histological and immunohistochemical evaluation. Gynecol Oncol. 2003;89:259-66.
  2. Fabbri R, Pasquinelli G, Keane D, Magnani V, Paradisi R, Venturoli S. Optimization of protocols for human ovarian tissue cryopreservation with sucrose, 1,2-propanediol and human serum. Reprod Biomed Online. 2010;21:819-28.
  3. Donnez J, Manavella DD, Dolmans MM. Techniques for ovarian tissue transplantation and results. Minerva Ginecol. 2018 Apr 11.
  4. Poirot C, Abirached F, Prades M, Coussieu C, Bernaudin F, Piver P. Induction of puberty by autograft of cryopreserved ovarian tissue. Lancet. 2012;379:588.
  5. Ernst E, Kjærsgaard M, Birkebæk NH, Clausen N, Andersen CY. Case report: stimulation of puberty in a girl with chemo- and radiation therapy induced ovarian failure by transplantation of a small part of her frozen/thawed ovarian tissue. Eur J Cancer. 2013;49:911-4.
  6. Demeestere I, Simon P, Dedeken L, Moffa F, Tsépélidis S, Brachet C, Delbaere A, Devreker F, Ferster A. Live birth after autograft of ovarian tissue cryopreserved during childhood. Hum Reprod. 2015;30:2107-9.
  7. Donnez J, Dolmans MM. Fertility Preservation in Women. N Engl J Med. 2017 26;377:1657-1665.
  8. Rodriguez-Wallberg KA, Karlström PO, Rezapour M, Castellanos E, Hreinsson J, Rasmussen C, Sheikhi M, Ouvrier B, Bozóky B, Olofsson JI, Lundqvist M, Hovatta O. Full-term newborn after repeated ovarian tissue transplants in a patient treated for Ewing sarcoma by sterilizing pelvic irradiation and chemotherapy. Acta Obstet Gynecol Scand. 2015;94:324-8.